Bonus Psicologo 2022: tutto quello che c'è da sapere

L’INPS ha trasmesso maggiori dettagli sul Bonus Psicologo, così da dare informazioni riguardo la data di presentazione, i requisiti e altro.  

Come spiegato nell’articolo precedente (per leggerlo clicca qui) il Bonus Psicologo ha come scopo quello di aiutare chi soffre di una qualsiasi fragilità psicologica, stress, ansia e depressione. 

 

Quando si potrà fare domanda? 

Requisiti necessari

Come è strutturato il Bonus Psicologo?

Quando si potrà fare domanda?

Sarà possibile fare richiesta dal 25 luglio al 24 ottobre in modalità telematica sul sito INPS nella sezione “contributo sessioni psicoterapia”.  

Si può presentare la domanda sia per sé stessi che per altri, come nel caso di un genitore o di un tutore per un figlio. 

Verrà data precedenza alle domande con il reddito ISEE più basso.

Requisiti necessari

– Presentare la DSU

– Presentare l’ISEE con un reddito inferiore ai 50.000€.   

Come descritto nell’articolo precedente a seconda del proprio ISEE si rientra in una fascia di agevolazione:

  • 600€ per chi ha un Isee inferiore ai 15mila€ 
  • 400€ per chi ha un Isee fra 15 e 30mila€ 
  • 200€ per chi ha un Isee fra 30 e 50mila€ 
Bonus Psicologo richiesta

Come è strutturato il Bonus Psicologo?

L’INPS comunica l’esito positivo della domanda e rilascia il codice univoco di 12 caratteri con cui si utilizzerà il Bonus. L’agevolazione sarà valida per 180 giorni dall’accettazione della domanda, dopodiché non sarà più utilizzabile. 

Lo specialista a cui ci si rivolge deve essere iscritto nell’elenco degli psicoterapeuti che hanno aderito all’iniziativa. Ad ogni seduta di psicoterapia vi sarà uno scalo di 50€ indipendentemente dalla fascia di cui si fa parte.

La procedura del Bonus è: 

  1. Dare al professionista il codice univoco di 12 caratteri ricevuto dall’INPS. 
  2. Il professionista inserisce nella piattaforma INPS la data della seduta, l’ammontare e l’importo della seduta.  
  3. L’INPS comunica i dati della prenotazione. 
  4. Il professionista rilascia la fattura e la inserisce nella piattaforma INPS insieme al codice univoco, la data, il numero della fattura e l’importo corrispondente. 
  5. L’INPS comunica al richiedente del Bonus l’importo utilizzato e quello rimanente. 

Richiedi ora il tuo isee online e gratis